ATTENZIONE
SE SEI UN NUOVO UTENTE, TI PREGHIAMO DI VISIONARE IL REGOLAMENTO E DI PRESENTARTI IN "PRESENTAZIONE NUOVI ISCRITTI"!

riciclare vecchio pantografo per telesagomatura

si parla in generale di strumenti per l’ottica e l’optometria (topografi, ottotipi, lampade a fessura, ecc,ecc)

riciclare vecchio pantografo per telesagomatura

Messaggioda essiweb » 31/05/2018, 22:40

Un mio amico si è ritrovato in possesso di alcune cianfrusaglie che un altro ottico buttava tra cui un pantografo funzionante weco formtracer prima versione

è come quello di questa foto che ho cercato sul web
Immagine

Ora siccome non può investire in un sistema di telesagomatura serio al momento o così dice lui.. gli è venuto in mente se non si possa usare per la telesagomatura con ditte indipendenti e ora vuol chiedere.

Sono curioso:
secondo voi è possibile? qualcuno ha esperienze simili? c'è scritto sopra lo strumento del carlo codrega che è compatibile con il formato oma e weco loop, porta seriale.

L'unica cosa che mi rende perplesso è che non è un pantografo 3d come quelli di ora... ma anche quelli moderni se scansioni una dima e un filtro di presentazione ti fanno una forma digitale bidimensionale eppure quando carichi il file i software delle ditte si ottimizzano cmq i paramentri di bisellatura.

:D :D
essiweb
 
Messaggi: 774
Iscritto il: 08/04/2014, 17:05

Re: riciclare vecchio pantografo per telesagomatura

Messaggioda basalla » 12/06/2018, 9:54

non ho parole :?
basalla
 
Messaggi: 623
Iscritto il: 07/04/2014, 19:52

Re: riciclare vecchio pantografo per telesagomatura

Messaggioda essiweb » 21/11/2018, 23:05

mi ero perso la risposta.

oh cmq ci è riuscito e funziona decentemente per le lavorazioni standard :lol: :lol: :lol:
essiweb
 
Messaggi: 774
Iscritto il: 08/04/2014, 17:05

Re: riciclare vecchio pantografo per telesagomatura

Messaggioda basalla » 22/11/2018, 19:44

non ricordo molto nemmeno io,e poi è scaduta l'immagine
ma se ho scritto in tranchant mode è perchè era una foto inguardabile

raffigurante un cesso

oppure un orinario

qualcosa di orripilante

essi,hai dato in pasto gratuitamente su un forum pubblico visitato da donne e bambini un MOSTROOOOOO di attrezzo.... :|
basalla
 
Messaggi: 623
Iscritto il: 07/04/2014, 19:52

Re: riciclare vecchio pantografo per telesagomatura

Messaggioda essiweb » 22/11/2018, 20:16

:lol: :lol: :lol:

era un formtracer come quello di questa gloriosa macchina d'antiquariato.

Immagine

di quelli 2d con i numeri rossi e che giravano con tutto il piatto che se non stavi attento ti ammaccavi un dito :mrgreen: :mrgreen: e che bestemmiavi quando dovevi leggere una montatura piccola che ti dava mille volte errore prima di digerirla.

tracciatore a parte la cosa figa è vedere che alcuni hanno ancora delle cnc weco in giro funzionanti dopo ancora quasi trentanni :o si può dire tutto sui Tedeschi ma fanno belle macchine... certo potendo scegliere quelle di oggi oltre a fare tutto non ti fanno tirare santi come queste :mrgreen: :mrgreen: la mola principale l'hanno venduta in Romania forse la hanno ancora mercato :| :shock:
essiweb
 
Messaggi: 774
Iscritto il: 08/04/2014, 17:05

Re: riciclare vecchio pantografo per telesagomatura

Messaggioda basalla » 22/11/2018, 21:14

essiweb ha scritto:
Immagine

:


:D :D :D
IL TRIO LESCANO

con questa portentosa tripletta,identica,ho iniziato da solo a fare montaggi (2003)
usata (non so l'età di nascita all'anagrafe ma già profumava di naftalina (quasi) :lol: )

bei tempi...
basalla
 
Messaggi: 623
Iscritto il: 07/04/2014, 19:52

Re: riciclare vecchio pantografo per telesagomatura

Messaggioda Max » 24/11/2018, 10:20

Mola inutilmente complessa e complicata nell’utilizzo quando già da tempo la concorrenza era in due pezzi (Essilor) o addirittura con tracciatore integrato (briot ad esempio) e con una facilità di utilizzo a prova di bambino.
Non ho mai apprezzato le Weco.
La nostra meta non è mai un luogo, ma piuttosto un nuovo modo di vedere le cose...
Avatar utente
Max
 
Messaggi: 790
Iscritto il: 31/03/2014, 11:05

Re: riciclare vecchio pantografo per telesagomatura

Messaggioda essiweb » 03/12/2018, 0:34

Sono questioni di filosofia personale. Secondo me ancora oggi che sono dello stesso gruppo sia briot/ weco le briot sono più versatili nell'uso singolo mentre le weco ancora oggi con pantografo staccato sono più indicate per l'integrazione in laboratorio.. l'unico vantaggio per l'ottico normale è che si rompe il pantografo ti rimane almeno il centratore :mrgreen: ma insomma.. parliamo di sfighe rare ed immense.

concordo che avevano menù inutilmente complicati ma poi ci facevi la mano :mrgreen: ma la logica Tetesca chissà che li diceva all'epoca.

Cmq piccolo aneddoto per quanto stimi essilor e soprattutto nidek..ora non so le mole nuove come facciano e se siano più intelligenti..ma quando lavorai con una weco dinosauro tipo quella della foto se andava via la luce...quando tornava ripartiva il computer e andava... a volte sciupava la lente e a volte la finiva correttamente il più delle volte... con una Nidek supercazzuta primi anni 2000 che faceva pure il nylor se andava via la corrente più di tot secondi quando tornava andava completamente in reset... e l'unico modo era o finire a mano o usare la modalità cambio forma :evil:
essiweb
 
Messaggi: 774
Iscritto il: 08/04/2014, 17:05


Torna a STRUMENTI

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite